Vinibuoni d'Italia
VERALLIA, VINIBUONI D'ITALIA E LA GREEN ECONOMY
Impegno comune e promozione delle aziende vitivinicole impegnate sui valori dell'ecosostenibilità ambientale

La svolta verde

Sono sempre di più le cantine italiane che mettono in campo progetti ecologici, che vanno dal fotovoltaico alle biomasse, dalle bottiglie in vetro alleggerito al risparmio idrico, dai packaging eco-friendly al risparmio energetico. Tutto questo di pari passo con il crescere della sensibilità e dell'interesse da parte degli eno-appassionati e del mercato per le pratiche rispettose dell'ambiente. Se fino a non molti anni fa a guardare all'eco-sostenibilità nella produzione di vino erano in pochi, oggi la svolta “verde” di una parte consistente del settore vitivinicolo italiano potrebbe contribuire all'affermazione del vino italiano sul mercato italiano e soprattutto sui mercati stranieri più evoluti. 

Sostenibilità, scelta lungimirante

Secondo i più recenti sondaggi la pensa così il 48% degli eno-appassionati per i quali l'impegno ecologico in cantina è, e sarà, il valore aggiunto per rendere ancora più competitivo il vino made in Italy sui mercati, e non solo a livello internazionale, ma anche nazionale. Per il 55% degli amanti del buon bere intervistati, l'impegno ecologico della cantina produttrice rappresenta un motivo in più per acquistare il loro vino. La sostenibilità non ha solo una valenza di rispetto ambientale, ma di lungimiranza, perché rappresenta una nuova visione dell’economia, che proprio nell’ecosostenibilità vede grandi opportunità di sviluppo. Oltre al biodinamico e al biologico, l’ecosostenibilità è un tema che attraversa infatti tutta la filiera produttiva.

Le cantine virtuose

È in forte aumento il numero delle cantine che si impegnano nell’utilizzo, quanto più possibile, delle energie rinnovabili, grazie all’abbondante disponibilità di risorse naturali nelle campagne, quali il sole e le biomasse (gli ammassi di materiale organico generato dai vigneti); forte è l’attenzione nella riduzione delle emissioni e nella eliminazione delle fonti di inquinamento dell’aria e dell’acqua, attraverso la manutenzione e l’impiego di impianti di depurazione; forte è l’impegno verso la bio-architettura e i nuovi indirizzi dell’agronomia. Sono dunque numerose le strategie che le cantine hanno già iniziato a mettere in atto all’insegna del rispetto ambientale. Oltre a quelle elencate la scelta di bottiglie in vetro più leggere, che permettono di ottenere una riduzione del peso e quindi un minore impatto ambientale, insieme al fatto che il vetro è riciclabile al 100%, alle etichette in carta riciclata, fino al bioetanolo, prodotto mediante un processo di fermentazione delle biomasse, che contribuisce al contenimento dell’inquinamento ambientale. 

Il premio eco-friendly

Da questi presupposti è nato il premio eco-friendly e Vinibuoni d’Italia è la prima guida che segnala le aziende che si muovono in questo senso, poiché hanno attivato o hanno in programma di attivare iniziative ed investimenti nel settore della green-economy e della sostenibilità. All’assegnazione del premio collabora l’azienda Verallia-Saint Gobain, da alcuni anni impegnata sui valori dell’ecosostenibilità. In particolare, con la linea Ecovà, Verallia ha rafforzato il suo impegno sui valori dell’eco-sostenibilità trasformando il vetro riciclato in nuove bottiglie.  Sei aziende tra quelle virtuose si sono particolarmente distinte e hanno ottenuto il “Premio Eco-friendly 2013” in collaborazione con Verallia e pertanto sono state insignite del diploma di gran merito. Vinibuoni d'Italia e Verallia hanno inoltre deciso di premiare un Comune italiano e un Consorzio che si sono distinti nell'impegno e nei progetti a favore della sostenibilità.

Ecco le aziende premiate con il Premio Eco-Friendly 2013 sono:

• Alto Adige - Abbazia di Novacella

• Trentino - Cavit

• Veneto - Cantina di Soave .

• Toscana - Fattoria Calcinaia

• Umbria - Caprai

• Sicilia - Planeta

• Consorzio del Vino Montepulciano

• Comune di Rovereto

 

Se queste rappresentano il punto di eccellenza dell'edizione 2013 delle Guida Vinibuoni d'Italia, cliccando qui di seguito il lettore potrà conoscere le altre che si sono distinte e che hanno ottenuto il diploma di merito per il loro impegno sui valori dell'ecosostenibilità.

Vini Buoni d'Italia © Copyright 2009-2011
web project & design 4U - progetti di comunicazione